Dove mangiare carne a Castellabate

Stai cercando un posto dove mangiare carne a Castellabate? Puoi provare il Lamione da Dorotea, nelle vicinanze del borgo cilentano, a meno di 15 minuti d’auto sia da Castellabate che da Santa Maria.

Il Lamione è una braceria, una vera steakhouse cilentana, che propone alcuni tra i migliori tagli di carne d’Italia e del mondo cotti alla brace: Chianina, cinta senese, Kobe, Angus, picanha.

spiedo-picanha1

Una steakhouse che fa della scelta della materia prima la sua filosofia. I tagli di carne che portiamo in tavola sono tutti attentamente selezionati e naturalmente completati da certificazione di provenienza.

Localmente scegliamo i migliori polli ruspanti, mentre per le vere eccellenze ci spostiamo nelle zone d’origine.

Dove mangiare carne a Castellabate, vicino Santa Maria

Una di queste è la Toscana che, insieme all’Umbria, è la terra d’origine ed allevamento, della razza Chianina. Uno dei tagli di carne di maggior pregio ottenuto dai bovini di sesso femminile. La Chianina del Lamione è tutelata dal marchio delle “5R” e certificata dall’IGP del Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale.

La proponiamo sia in versione “fiorentina” che “tagliata”. In quest’ultimo caso in due versioni: con rucola e grana o con funghi porcini.

Rimaniamo in Toscana per conoscere un altro simbolo del territorio: la cinta senese. Una salsiccia speziata e saporita, dal sapore pieno, rustico, gustoso, inconfondibile. La carne è ottenuta da un’antica razza suina, DOP dal 2012, caratterizzata da una striscia bianca sul dorso, a spezzare il mantello nero. Altra particolarità è l’omogeneità della distribuzione del grasso, dovuto all’allevamento allo stato brado, che consente di sprigionare appieno tutte le sostanze aromatiche.

Grasso che è anche ricco di acidi grassi insaturi e di Omega 3 e Omega 6.

Dove mangiare carne vicino Santa Maria di Castellabate

carne di kobe alla grigliaFacciamo rotta verso l’altro capo del mondo e arriviamo in Giappone. Qui troviamo quella che è considerata la miglior carne del mondo, il Kobe. E’ ottenuto dall’antica razza di manzo Wagyu, allevati nella prefettura di Hyogo.

Caratteristica basilare della carne è l’elevato grado di marezzatura e di marmorizzazione, il gusto, la tenerezza.

Spostiamoci verso il Brasile per scoprire la tipica picanha, da noi conosciuta come “codone”, “punta di sottofesa” o “copertina dello Scamone”. Il taglio è caratterizzato da uno strato di grasso di un centimetro presente su uno dei lati. Noi la prepariamo alla griglia, secondo la tradizione, infilzando nello spiedone tre fette ripiegate con il grasso all’esterno.

Sempre il continente americano è protagonista con l’Angus argentino, preparato sempre alla griglia, sia in versione bistecca che “tomahawk”. E’ una carne pregiata, dal sapore intenso, particolarmente succosa, ottenuta da bovini di pelo scuro originari della regione dell’Angus, in Scozia, a pochi chilometri da Dundee.